CASSAZIONE N. 21470 DEL 15/09/2017 – LA PATTUIZIONE DI UN TASSO EXTRA-FIDO SUPERIORE AL TASSO SOGLIA NON COMPORTA L’AZZERAMENTO DEGLI INTERESSI EX ART. 1815 CC

La sentenza N. 21470 del 15/09/2017 statuisce che, nei finanziamenti erogati sotto la forma di apertura di credito in conto corrente, la pattuizione di un tasso extra fido (per sconfinamento) che superi il tasso soglia non comporterebbe la non debenza degli interessi convenzionali ex art. 1815 cod.civ., ove gli interessi convenzionali stessi, relativi dunque agli utilizzi che si collocano entro i limiti dell’accordato, non superino il tasso soglia al momento della pattuizione.

Non possiamo fare a meno di dissentire dalla sentenza in questione; la stessa contrasta infatti anche con il recente e assimilabile principio statuito dalla sentenza n. 23192 del 4.10.2017 che stabilisce come non siano dovuti ex. art. 1815 cod. civ. gli interessi convenzionali relativi ad un mutuo quando gli interessi di mora siano pattuiti in misura eccedente il tasso soglia.

Dr. Pierluigi R. Antenucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *